Lanzarote - Vacanze alle Isole Canarie - Guida Turistica e foto delle Isole Canarie

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 
Lanzarote è l'isola più orientale dell'arcipelago delle Canarie, è situata al nord est dell'arcipelago di fronte Fuerteventura e l’Africa. Gli isolotti de La Graciosa, Alegranza, Montaña Clara, Roque del Este e Roque del Oeste, costituiscono l'arcipelago di Chinijos ed appartengono anch’essi a Lanzarote.
Lanzarote fu dichiarata riserva della biosfera nel 1993 dall'UNESCO e l'arcipelago di Chinijos costituisce una riserva marina. César Manrique convertí l'isola natale in uno dei luoghi più belli del pianeta date le infinite possibilità che Lanzarote offre. Lanzarote si è sviluppata così, preservando gli spazi naturali e l'ecosistema dell'isola; è un esempio di equilibrio tra progresso e benessere, rispettando l'ecosistema e la cultura.
Arrecife è la città più importante dell'isola. È la capitale di Lanzarote dal 1852 ( prima fu Teguise ) qui vive approssimativamente la metà della popolazione dell'isola. L'aeroporto di Lanzarote è situato a 5 chilometri da Arrecife, raggiungibile attraverso la strada LZ2 Arrecife - Yaiza. Superata Yaiza si procede per la strada LZ-67 e si accede al Parco Nazionale di Timanfaya. Paesaggio vulcanico che percorreremo in strada fino ad arrivare all'isolotto di Hilario ( montagne del fuoco ) dove si realizzano esibizioni geotermiche. Nel parco abbondano svariati elementi
di interesse scientifico, geologico e geomorfologico di grande singolarità e bellezza paesaggistica. Le sue alte temperature prossime a 600ºC si ammirano a meno di 10 metri di profondità.









"Il giorno 1 settembre 1730, tra le nove e le dieci della notte, la terra si aprí in Timanfaya, a due leghe da Yaiza… 
ed un'enorme montagna si alzò dal seno della terra". Nel ristorante “El Diablo” situato nel parco si sfrutta il calore interiore emanato dalla terra di Timanfaya ( ricordiamo che nel parco nazionale continua ad esserci attività vulcanica ) per cucinare i piatti più tipici di Lanzarote. Altri punti di interesse sono Los Hervideros e il Charco de los Ciclos o anche chiamata laguna verde, un anfiteatro aperto all'oceano che si è formato subito dopo le eruzioni di 1730. La laguna che occupa il fondo del semicerchio, è sorta grazie all'inondazione del cratere. Il suo colore verde
si deve alle alghe che abitano la sua superficie.
Nei suoi 169 chilometri di costa Lanzarote conta un grande numero e varietà di spiagge, di sabbia bianca e fine, 
di sabbia scura, di acque tranquille o con onde per surfisti. Da segnalare Playa Blanca e Playas de Papagayo, La Santa, Famara, Puerto del Carmen, Playa Honda, Charco del Palo e Los Cocoteros, Costa Teguise, Orzola e Arrieta. Nell’isola la Graciosa, la Bahía del Salado, el Caletón del Marrajo e la spettacolare Playa de La Cocina, 
sotto Montaña Amarilla, Playa Lambra e la Playa de Las Conchas di sabbia bianca e lunga circa 500m.
L'accesso si effettua a piedi o in bicicletta dalla Caleta del Sebo. La Graciosa si raggiunge dal porto di Órzola attraverso una linea marittima regolare www.lineasromero.com.
Nell'interno dell'isola di Lanzarote si trova La Geria, uno dei paesaggi agricoli più caratteristici e singolari di Lanzarote e dell'arcipelago. La sua origine è dovuta al bisogno di sfruttare le ampie terre ricoperte di sabbia vulcanica, emessa dalle eruzioni di Timanfaya. La zona fu quindi ben sfruttata per la piantagione di viti per la produzione di vino. In questa zona si trova il Museo del vino El Grifo.
L'isola di Lanzarote offre a tutti i suoi visitatori un enorme varietà paesaggistica ed un'infinità di microclimi che ne fanno in una delle mete turistiche più attraenti. La sua temperatura media annuale è di 22° C e le temperature estreme non esistono.
Per maggiori informazioni vai alla pagina internet ufficiale del turismo di Lanzarote: www.turismolanzarote.com.


 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu